Anche ora stai guardando, ma non sei libero nell’osservazione.
Interpreti.
Perciò non stai vedendo ciò che è, ma l’interpretazione che ne dai.
Tra te e ciò che vedi c’è l’ombra del tuo passato che “distorce” la percezione di ciò che è realmente.
In realtà, quindi, di fronte a ogni cosa cogli solo il significato che il tuo passato ti permette di vedere.
Ma allora chi è che vede?
Chi vede non sei tu, ma il “personaggio”, “l’entità” che ha preso dimora dentro di te.
Fino a che esiste un “soggetto” che osserva e un “oggetto” che viene osservato, il vuoto percepito come separazione alimenterà l’illusione. Ogni illusione crea paura perché ti fa vedere qualcosa dove non c’è nulla, e non vede nulla dove invece c’è qualcosa.
 
La fine dell’illusione si chiama consapevolezza. La consapevolezza fa emergere l’osservatore silenzioso dentro di te. Osservi chi osserva.
 
Consapevolezza è presenza, un alto livello di presenza, così da alzare lo sguardo e vedere per la prima volta la luna…e non solamente la sua immagine riflessa in una pozzanghera!
 
Jhonny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.