Quante volte cerchiamo di cambiare gli eventi esterni? Quanta energia spesso utilizziamo nel tentativo di cambiare questa o quell’altra cosa, questa o quell’altra persona? Ma alla fine, non resta che mollare. E’ molto difficile per la nostra mente lasciar andare, abbandonarsi a qualche cosa di più grande, di nascosto, di misterioso, invece di rimanere bloccata nel labirinto della logica e del pensiero.
Purtroppo la nostra visione è molto limitata, in quanto vede le cose non per quello che sono, ma per il significato che le abbiamo attribuito.

Ma questa percezione è solo la punta dell’iceberg. Ogni esperienza infatti ha sempre un significato spirituale, comunque essa accada e nonostante l’abito che noi le mettiamo addosso. Un grande cambio di prospettiva è la presa di consapevolezza che a nulla serve cambiare quello che sta all’esterno se prima non iniziamo a cambiare quello che sta al nostro interno. Solo in questo modo inizieremo a dare un nuovo significato all’esperienza, strumento di crescita e di ritorno alla nostra vera essenza.

Questa è la via della maestria, così da ribaltare lo schema del vecchio uomo che si muove modificando l’esterno, nel nuovo uomo che con nuovi schemi, dall’interno modificherà l’esterno!

Jhonny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu