Mentre i bambini piccoli imparano a camminare – un’esperienza quasi universale che pochi possono ricordare – imparare a cadere è il processo di accompagnamento. Nessuno si è arrabbiato per questo: rotolare e aggrapparsi ai mobili o alle mani per avere sostegno era semplicemente un continuo tentativo quotidiano di fare progressi. Solo come risultato di una determinazione estrema – nonostante il costante processo di caduta – il bambino riesce a muovere i primi passi. L’EQUILIBRIO NON È POSSIBILE SENZA SPERIMENTARE LA CADUTA. La caduta in quel momento era quasi inevitabile, un percorso naturale di apprendimento.

Cadere da adulto evoca spesso risposte di “Come è potuto accadere?” o “Non è possibile!” o “Devo essermi reso ridicolo”. La caduta non è più vista come un processo naturale che incoraggia offerte di aiuto da parte di mani amichevoli, ma come un fallimento. Cambiate prospettiva: AFFRONTATE LA CADUTA, RICONOSCETELA COME UN MODO PER RAFFORZARE LA DETERMINAZIONE A TROVARE UNA STRADA DIVERSA, PERCHÉ QUELLA ATTUALE VI HA FATTO CADERE PER STIMOLARE QUESTA CONSAPEVOLEZZA.

Dopo una caduta siete costretti a sdraiarvi. Forse siete in stato di shock e vi chiedete DOVE SONO? E in effetti, questa è una buona domanda da fare. DOVE SONO? DOVE VOGLIO ESSERE? DOVE, LA MIA ANIMA, MI STA DICENDO DI ANDARE? Questo è un momento chiave di grande potenziale con il potere di cambiare la direzione della tua storia personale. Più duro è il terreno su cui cadete e maggiore è la lesione, più a lungo siete costretti a stare sdraiati e a prendere in considerazione queste domande urgenti. E se non prestate attenzione alle domande e quindi cambiate direzione, il “caso” o la “sincronicità” o il “desiderio dell’anima” organizzeranno qualcosa di impatto ancora maggiore per aumentare la potenza del campanello d’allarme.

Questo è il significato di CADERE PER IMPARARE. Quando siete in grado di vedere gli incidenti in questa luce, allora ogni “fallimento”, ogni “caduta”, ogni delusione, è solo un trampolino di lancio verso la fase successiva del processo di apprendimento in direzione della  piena REALIZZAZIONE.

Jhonny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu