In superficie infuria la tempesta con alte onde che si scontrano e rimescolano.

Tutto è instabile, caotico e insicuro. È difficile rimanere in equilibrio, è difficile comprendere quale direzione prendere.

Questa è la realtà dove ora si trova la mente, costretta a muoversi tra forti venti e alte onde, sottoposta sempre più all’azione di travolgenti forze esterne che non conosce e non può controllare.

Ma giù, in profondità, vicino al fondo dell’oceano, la situazione è  diversa. Tutto è immobile, fermo, tutto è in pace.

In questa dimensione ci si può riposare, rigenerare, ritrovare. Eppure è lo stesso mare, è lo stesso oceano. Come possono coesistere caos e ordine nella stessa realtà delle cose?

Dipende da dove rivolgiamo l’attenzione!…ed attenzione è nutrimento. Pertanto la domanda che dobbiamo porci è: “a cosa stiamo dando nutrimento? Alla paura o alla fiducia? Preferiamo rimanere in superficie in balia dei venti e delle onde focalizzandoci costantemente su ciò che arriva da fuori o scegliamo di andare in profondità, nel centro del nostro Essere accogliendo ciò che SENTIAMO dentro?”

Attenzione però, questo non vuol dire fare come lo struzzo che mette la testa nella sabbia e non fa nulla o fa finta di nulla.

Ciò di cui parlo è il diritto alla SCELTA che ognuno di noi ha. Scegliere consapevolmente è maestria, forza, vitalità.

Perché é attraverso ogni scelta che noi muoviamo l’energia in una direzione invece che nell’altra. L’energia è a servizio, sempre e non giudica. È letterale, segue cioè alla lettera ciò che il nostro invito contiene. Se scegliamo che sarà rossa, bene di certo non potrà essere verde. Se scegliamo che sarà d’ostacolo, allora quello si realizzerà, ma se accettiamo la nostra responsabilità nell’influenzare la realtà, allora questo determinerà molte più opzioni.

Charles R. Swindoll diceva che la vita è per il 10% cosa ci accade e per il 90% come reagiamo. Impariamo pertanto l’arte di agire consapevolmente invece di reagire impulsivamente.

Pertanto iniziamo a stabilire se vogliamo procedere a favore o contro vento, se cavalcare l’onda o essere risucchiati da essa.

E per fare questo dobbiamo volgete lo sguardo a Noi, entrate in Noi!

Negarci questa possibilità infatti è negarci la più grande opportunità.

L’opportunità di avere fiducia in noi, e vivere e godere così di questa energia vitale e creativa in ogni aspetto della nostra vita.

La fiducia però non si può imparare. Nessun corso ci insegnerà mai ad avere fiducia in noi stessi. Non possiamo forzarci, non possiamo pretenderlo, non possiamo programmarlo.

La fiducia accade nel momento in cui la scegliamo. Forse accadrà un passo dopo l’altro, per gradi, ma scopriremo che questa è la cosa più grande. Quindi scegliamo la fiducia, fidiamoci di noi.

Questo ci permette di iniziare ogni giorno da una posizione di favore e non di sfavore, di chiarezza e non di caos, di forza e non di debolezza, di connessione e non di frustrazione, perché più andremo in profondità al centro del nostro Essere, meno risentiremo del caos di tutto ciò che ancora si muove in superficie.

Tutto procede bene in tutto l’universo, anche se la nostra limitata percezione della realtà non é ancora in grado di cogliere cosa si sta realmente muovendo dietro le quinte. Ma tutto è in preparazione per qualcosa di grande e splendente!

Jhonny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu