Rimanete in ascolto, non sprecate questo tempo. Ascoltate il vostro corpo, chiede tutta la vostra attenzione. Sta affrontando una trasformazione senza precedenti. Sta integrando nuove qualità e potenzialità, ma per fare questo deve lasciare andare tutto ciò che non é più necessario. Sta rilasciando vecchie memorie, traumi, ferite e dolore. Sta rilasciando un passato che lo ha reso pesante, rigido, ammalato. Ecco perché é importante che lo sosteniate e lo amiate, che vi prendiate cura
Articoli   , , , , , , , , , , ,
Ognuno di noi é come una casa composta da tante stanze. Conosciamo ben poco della nostra casa, in quanto abitiamo le solite poche stanze nella quali la vita ristagna  nelle consuete abitudini. Conosciamo tutto di quelle poche stanze, ogni dettaglio, angolo, aspetto. Questo ci dà sicurezza e ci aiuta a sentirci meno soli. Tutte le altre stanze però sono ancora chiuse. Tante voci purtroppo continuano a riecheggiare nella nostra testa chiedendoci di rimanere dove siamo,
Articoli   , , , , , , , , , ,
Possiamo sentirete il suono della neve che si scioglie solo se smetteremo di fare qualsiasi cosa stiamo facendo e se ascolteremo attentamente. Di certo può essere un suono molto tranquillo – lo sgocciolamento dell’acqua dagli alberi innevati, o un leggero aumento del flusso d’acqua in un piccolo ruscello. Possiamo notare questi sottili cambiamenti solo se la nostra consapevolezza è acuta, o potremmo essere distratti da “rumori forti” o “forti influenze” che – oramai agonizzanti –
Articoli   , , , , , , , , ,
In superficie infuria la tempesta con alte onde che si scontrano e rimescolano. Tutto è instabile, caotico e insicuro. È difficile rimanere in equilibrio, è difficile comprendere quale direzione prendere. Questa è la realtà dove ora si trova la mente, costretta a muoversi tra forti venti e alte onde, sottoposta sempre più all’azione di travolgenti forze esterne che non conosce e non può controllare. Ma giù, in profondità, vicino al fondo dell’oceano, la situazione è 
Articoli   , , , ,
 Cos’è un circuito? Un circuito è un percorso chiuso! Semplicemente è ripetitivo, meccanico e non modificabile. Un circuito garantisce la ripetitività. L’effetto così è assicurato. Premi l’interruttore e si accende la lampadina. Ma l’essere umano non è nato per essere un circuito chiuso, anche se pensa di esserlo per ragioni legate al controllo, alla sopravvivenza, alla paura. Siamo così arrivati a credere che solo all’interno di un circuito chiuso possiamo realizzare la migliore versione di
Articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu